LAPSUS URBANO
IL PRIMO GIORNO POSSIBILE




un progetto di Enrico Baraldi, Nicola Borghesi, Riccardo Tabilio

coordinamento Roberta Gabriele
supervisione musicale Bebo Guidetti

a cura di Agorà / Liberty / Kepler-452













Lapsus Urbano - Il primo giorno possibile è una performance concepita nei giorni in cui il  «fuori» sembrava un luogo lontano e utopico, nel momento più cupo delle restrizioni alla  mobilità, alla socialità e al lavoro, quando la routine delle nostre vite veniva squassata e  ribaltata dalle fondamenta, e quando il teatro – con i suoi cicli e le sue produzioni – si trovava  da un giorno all’altro polverizzato. Programmatico fin nel titolo, Il primo giorno possibile ha la  forma di una lettera dal passato per il «giorno zero» del futuro: il pubblico si ritroverà insieme  in uno spazio urbano, aperto, il primo giorno in cui le normative lo permetteranno, ed ascolterà  in cuffia un messaggio «in bottiglia» destinato alla società futura. Gli spettatori, interpellati  attivamente dalle voci del passato, saranno chiamati a misurare il loro presente con il futuro  utopico immaginato dagli autori; a reagire alle domande poste nelle cuffie, a guardarsi in faccia,  a contarsi, a prendere posizione o a emozionarsi di fronte all’evocazione del mondo utopico  del dopo epidemia.

Il primo giorno possibile approfondisce la ricerca sulla società, sulla comunità e sulla  partecipazione che contraddistingue il percorso artistico di Kepler-452, proponendosi di  osservare e raccontare quello che sta succedendo intorno a noi e a noi in quanto esseri umani,  in questa inaudita contingenza storica, e di evocare quello che succederà. Cosa vuol dire  «incontrarsi» e fare teatro in tempi di distanziamento sociale? – si chiede la compagnia. Se  davvero «la normalità era il problema» sarà possibile inventare una nuova normalità? È  possibile, dalla manciata di metri quadri in cui sono costrette oggi le nostre vite, immaginare  la società futura?

Pensato per un gruppo di quaranta spettatori, Lapsus Urbano. Il primo giorno possibile è  un tentativo di raccontare e custodire la memoria del presente attraverso la lente di un  momento storico di isolamento e privazione che richiede di essere riconosciuto come  momento collettivo, uno spettacolo audioguidato che desidera ribaltare il concetto di  ripartenza a qualunque costo, non rimuovendo il problema delle mascherine e del distanziamento tra spettatori ma assumendolo anzi come dato fondante della drammaturgia  e dell’azione scenica.

Nato dal dialogo con la Stagione Agorà diretta da Elena Di Gioia, Lapsus Urbano. Il primo  giorno possibile è anche una strategia di azione teatrale che si innesta nel dibattito sulle  modalità del teatro possibile in tempi di emergenza sanitaria (e di ripresa dall’emergenza): la  risposta di Kepler-452 a una questione con cui tutto lo spettacolo dal vivo sta facendo i conti.