COMIZI D’AMORE #SCUOLE




inserito nel progetto Il giorno di domani - Azione collettiva di artisti e artiste per l'infanzia e l'adolescenza percorso di welfare culturale di Comune e Città Metropolitana di Bologna 

il progetto è sostenuto grazie al finanziamento dell'Unione Europea | FSE | PON METRO 14 -20 nell'ambito della risposta dell'Unione alla pandemia di COVID - 19


COMIZI D’AMORE #Scuole


L’indagine teatrale di Kepler-452 intitolata “Comizi d’amore”, ispirata all’omonimo documentario di Pier Paolo Pasolini del 1963, nasce nel 2015 e ha visto già diverse tappe nel suo percorso. In ogni tappa una squadra di registi e attori/autori lavorano partendo dalle domande e dai temi sollevati nel documentario di Pasolini concentrando la ricerca su un luogo specifico. Il rapporto tra amore, sessualità, economia, pregiudizio, tabù raccontato da Pasolini nel suo viaggio attraverso l’Italia degli anni ‘60 viene ripreso oggi incontrando comunità circoscritte.

La nuova tappa di questo percorso, che nasce su impulso del Comune di Bologna e si inserisce nel progetto Il giorno di domani, intersecherà l’indagine di Pasolini con il mondo dell’adolescenza.  Tre squadre formate ognuna da un regista e due attori trascorreranno un periodo di residenza e indagine presso il Liceo Classico Statale Minghetti, l’Iss Belluzzi Fioravanti e l’Istituto Aldini Valeriani.

Ogni gruppo di lavoro avrà il compito di coinvolgere un gruppo di studenti dell’istituto assegnato per svolgere la residenza-indagine. Insieme agli studenti coinvolti, con l’ausilio in scena degli attori professionisti, ogni gruppo di lavoro porterà in scena l’esito della propria indagine ispirata ai “Comizi d’amore” di Pasoliini, in una forma scenica quanto più libera e di ricerca, utilizzando anche diversi linguaggi e codici teatrali. Questo periodo di indagine e rielaborazione sfocerà in tre diversi spettacoli che andranno in scena direttamente dentro le scuole superiori, invitando lo spettatore ad abitare, per una sera, lo spazio dell’adolescenza.

La squadra artistica sarà composta da Enrico Baraldi e Nicola Borghesi (Kepler-452), Alessandro Berti, Niccolò Fettarappa, Ermelinda Nasuto e Matilde Vigna.

La composizione dei gruppi prevede quindi la presenza di un regista, un attore/attrice già affermato nel mondo dello spettacolo dal vivo e un attore/attrice che selezioneremo attraverso un bando nazionale tra coloro che si sono diplomati in scuole teatrali o hanno cominciato la propria attività professionale nel periodo pandemico. Trovandoci a dover formare delle squadre di ricerca artistica abbiamo pensato di riservare alcuni dei posti  a persone che si trovino in questo difficile passaggio.

Siamo convinti che ci sia una generazione di nuovi artisti fortemente penalizzata dalle chiusure che la pandemia ha imposto e che fatica a cominciare il proprio percorso professionale. Ci pare che uno dei rischi di questa fase sia ricominciare dal punto in cui ci si era lasciati prima della pandemia, escludendo di fatto un numero di persone che si sono formate nel periodo del Covid. È un piccolissimo contributo, ma è ciò che possiamo fare in questo momento, dalla posizione in cui ci troviamo.

Un’altra delle ragioni che ci spinge a cercare giovani attori e attrici è la vicinanza anagrafica con l’oggetto di questa indagine: gli adolescenti. Pensiamo che, per questo progetto, la giovane età sia un patrimonio di sguardo e sensibilità.







CI VORREBBE PASOLINI





azioni a cura di Altre Velocità nell’ambito del progetto Comizi d’amore di Kepler-452



A sessant’anni di distanza quali sarebbero le domande pasoliniane sull’amore, sull’educazione sentimentale, sulla sessualità, l’erotismo e la famiglia? Oggi ci facciamo le stesse domande oppure nei cuori dei giovanissimi si muovono altri interrogativi? In che modo e in che misura il radicale cambiamento della società rispetto all’Italia degli anni ‘60 incide sulla formulazione del pensiero e dell’immaginario attorno ai temi intimi e profondi evocati dal poeta?

Siamo convinti che continuare a indagare questi stessi temi sia di enorme importanza ancora oggi e ci sembrava prezioso farlo insieme a Kepler-452, compagnia che ha eletto come propria cifra stilistica ed estetica la ricerca sul campo come strumento principe del loro fare teatro.
In questa cornice di riferimento #civorrebbePasolini affianca con azioni immaginate da Altre Velocità il più ampio “Comizi d’amore” a cura di Kepler-452, cercando di mantenerne intatta la cifra dedicata alla messa in gioco, alla ricerca e all’incontro con l’altro che nei contesti scolastici è sicuramente valorizzato e riporta alla luce nel contesto collettivo il suo potente gesto politico.